Per il diritto di tutte le persone a un’assistenza sanitaria pubblica gratuita e di qualità!

Vedi il documento originale da Via Campesina

“Distanziamento fisico, sì; Isolamento sociale, mai!
Assistenza collettiva per prevenire la diffusione del virus, Sì; Smobilitazione e silenzio, mai !”.


(Harare, o, Stampa febbraio 2021). Siamo a più di un anno dall’inizio della crisi innescata dalla pandemia da COVID19 in tutto il mondo. Questa crisi sanitaria ha causato la morte di circa due milioni di persone e, secondo i rapporti ufficiali, finora sono state infettate più di 77 milioni. Tuttavia, secondo stime non ufficiali, questo numero potrebbe essere anche più alto. Le persone infettate rischiano possibili conseguenze per la salute fisica e mentale per tutta la vita.

L’insieme di crisi economiche, politiche, sanitarie e ambientali simultanee che stanno attraversando le nostre società ha portato a una profonda crisi sociale con gravi battute d’arresto nei diritti, disoccupazione, corruzione, miseria, fame e violenza in tutto il mondo; tanto più nei paesi economicamente svantaggiati.

Questa crisi sanitaria ha causato la morte di circa due milioni di persone e ci sono più di 77 milioni di persone infette, secondo i rapporti ufficiali. Tuttavia, se si prendono in considerazione cifre non ufficiali, potrebbero essere anche di più. Molti di coloro che sono stati infettati subiranno conseguenze per la salute fisica e mentale per tutta la vita.

Tutte le crisi che stiamo vivendo contemporaneamente come società, comprese quelle economiche, politiche, sanitarie e ambientali, hanno la conseguenza immediata di una profonda crisi sociale, con gravi battute d’arresto in termini di diritti, disoccupazione, corruzione, miseria, fame e violenza in tutto mondo, soprattutto nei cosiddetti paesi “sottosviluppati”.

La quarantena sociale imposta dallo Stato è una misura necessaria, ma ha conseguenze molto gravi per la classe operaia. Pochissimi paesi hanno risposto alle loro popolazioni con politiche di sostegno economico e sociale, molti sono stati licenziati, altri hanno visto dimezzare i loro salari e la stragrande maggioranza delle persone che dipendono dal lavoro informale per il reddito e provvedono ai bisogni dei loro le famiglie, siano esse lavoratori migranti nei campi, famiglie contadine sui loro appezzamenti, pescatori sul loro territorio, hanno dovuto vivere la faccia peggiore di questa crisi, senza alcuna politica di reddito aggiuntiva per le famiglie che possono restare a casa.

Le aree rurali sono completamente trascurate ei lavoratori agricoli costretti a lavorare in condizioni minacciose per sopravvivere, mentre sono loro che nutrono il mondo, non hanno politiche per proteggerli dal virus o fornire loro un accesso dignitoso all’assistenza sanitaria.

Alcuni governi, soprattutto quelli reazionari e pro-multinazionali, hanno minimizzato gli effetti del COVID19, cercando di proteggere l’economia e le imprese e banalizzando la vita e la morte della maggioranza delle persone.

Diritto alla salute pubblica e gratuita – alla prevenzione, alla vaccinazione e ai trattamenti a lungo termine!

Come La Via Campesina, chiediamo il diritto all’assistenza sanitaria pubblica e gratuita per tutte le persone, compresi i processi di prevenzione, vaccinazione e trattamento a lungo termine.

Lottiamo affinché la salute sia riconosciuta come un diritto umano, a maggior ragione in questa crisi globale.

Chiediamo che i governi onorino l’obbligo di proteggere le popolazioni e garantiscano che tutti abbiano accesso a cure sanitarie preventive, curative e di qualità, così come è riconosciuto anche dall’articolo 23 della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei contadini (UNDROP), adottata dai governi nel 2018, che sancisce il diritto di avere accesso nelle zone rurali ai servizi sanitari e alle cure necessarie.

La maggior parte delle cure e dei vaccini sono sotto il controllo di grandi aziende e stati, che in modo non trasparente, con molta corruzione, speculano con la vita e cercano di aumentare i profitti. Stanno distribuendo i vaccini disponibili principalmente tra i paesi ricchi, portando alla competizione tra questi governi, offrendo il vaccino al miglior offerente. Allo stesso tempo, alcuni governi ricchi stanno accumulando vaccini, acquistando dosi fino a cinque volte la loro popolazione, mentre in dozzine di paesi poveri e sfruttati i vaccini non sono ancora arrivati.

La mercificazione e la gestione politica dei vaccini creerà un enorme divario tra le popolazioni dei paesi ricchi e quelle dei paesi poveri che non possono permetterseli. Qui, le persone dipendono interamente dalla disponibilità del mercato e dalla volontà e capacità dei governi di negoziare con le aziende farmaceutiche. Sono le stesse multinazionali che dominano i mercati che hanno la tecnologia per produrre vaccini; controllano il mercato delle attrezzature, delle forniture mediche e della logistica per il trasporto, lo stoccaggio e la distribuzione dei vaccini.

Come La Via Campesina affermiamo che la scienza deve essere al servizio dell’umanità e che la società deve avere accesso alle informazioni ed essere in grado di valutare le cure offerte

Chiediamo anche il riconoscimento della salute interculturale e popolare, un sapere ancestrale che si è mantenuto nelle nostre società, che concepisce la salute in modo integrale e che, durante la pandemia, ha sostenuto le comunità. Affermiamo che la salute deve iniziare con una dieta sana che rafforzi il sistema immunitario e sia sostenibile, come proposto dalla Sovranità Alimentare e che si prende cura anche della salute delle persone e del pianeta.

La ricerca e lo sviluppo di vaccini e farmaci contro le malattie continua a ricevere finanziamenti pubblici, che provengono anche dalle nostre tasse. Per questo motivo è legittimo che i vaccini derivanti da questa ricerca siano messi a disposizione del pubblico gratuitamente. È inaccettabile che i vaccini siano brevettati e lasciati nelle mani delle grandi multinazionali e del mercato, che cercano di mercificare tutta la vita. Chiediamo la fine dei brevetti e il ripristino del diritto all’informazione e al controllo pubblico che garantiscano la buona qualità e il contenuto dei vaccini, nonché la responsabilità per eventuali effetti negativi. 

Per la LVC, il diritto alla salute implica un accesso libero e paritario alla vaccinazione contro il COVID-19 per le persone e le popolazioni che lo richiedono, rispettando il diritto dei singoli di scegliere altre opzioni di assistenza sanitaria rispetto ai vaccini, soprattutto per le persone e le popolazioni che liberamente decidono di non essere vaccinati. LVC rifiuta qualsiasi imposizione forzata o coercitiva di vaccini.

Oggi la pandemia è un problema globale e dobbiamo mobilitarci come società in modo che le Nazioni Unite, attraverso l’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) e i governi garantiscano la vaccinazione pubblica gratuita dell’intera popolazione mondiale. Come La Via Campesina, affermiamo il diritto alla salute pubblica gratuita e al rapido accesso alla prevenzione, vaccinazione e cura in tutti i paesi del mondo.

Combattiamo per il diritto alla vita, a vivere in modo dignitoso e sano!

Internazionalizziamo la lotta, internazionalizziamo la speranza!

2 ping

  1. […] Vedi il documento originale da Via CampesinaVedi la pagina nel Collettivo Babel […]

  2. […] Campesina aveva già diffuso nelle settimane scorse un comunicato sulla vicenda del COVID che l’Alleanza aveva tradotto e diffuso ma ora torna sulla vicenda con un appello alla mobilitazione internazionale e un manifesto che […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.