L’appello. Per la terra, le comunità e l’agroalimentare dei diritti

Siamo agricoltori, braccianti, cittadini, tecnici, rappresentanti di movimenti contadini, dei lavoratori, di difesa dell’ambente, del territorio e dei diritti, associazioni sindacali, di comunità e reti di cittadinanza; ci siamo incontrati fra il 24 e il 29 scorso in un’Assemblea/seminario in cui abbiamo deciso insieme di lavorare ad una Alleanza Sociale per la Sovranità Alimentare e, per questo, ne stiamo promuovendo la Costituente. La Nuova Riforma Agraria Popolare ne è l’obiettivo fondante per unificare l’impegno di chi difende la terra, il lavoro, i diritti e le istanze di giustizia ambientale.

Così inizia l’appello a mobilitarsi del Comitato Promotore della Alleanza sociale per la Sovranità Alimentare che propone una prima iniziativa il cui contenuto, l’agenda e le proposte sono alle pagine dedicate in questo sito da dove, peraltro, è possibile aderire e coinvolgersi, seguire le iniziative e vedere le adesioni

8 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Orlando il 5 Dicembre 2020 alle 15:39
    • Rispondi

    Let’s go

  1. Partecipiamo e aderiamo all’iniziativa della promozione di una petizione popolare in difesa del riconoscimento dei diritti dei contadini e di coloro che vivono le aree rurali.

  2. Aderiamo all’iniziativa della petizione popolare per la difesa dei diritti dei contadini e di chi vive nelle aree rurali.

    • Maria zeno il 6 Dicembre 2020 alle 10:56
    • Rispondi

    Chiediamo una nuova riforma agraria popolare fondata sui diritti

    • Bianca Riva il 6 Dicembre 2020 alle 11:27
    • Rispondi

    Sono d’accordo su tutto, ma avrei letto volentieri una parola, una sola, che difendesse anche i diritti degli animali che vivono fianco a fianco ai contadini. Io sto in campagna e ci sono pascoli e fattorie, a volte vedo sfruttamento e maltrattamenti degli animali… per non parlare degli allevamenti intensivi. Il contadino sensibile queste cose le sa. Sono vegetariana, ho un piccolo orto e so che la terra è bassa e richiede fatica. Ci va rispetto per le persone che lavorano la terra, e anche per gli animali che le affiancano. Un animale sano e ben trattato produrrà lavoro e cibo migliore.

    • Loredana Bellone il 9 Dicembre 2020 alle 8:00
    • Rispondi

    Bisogna prendersi cura di Madre Terra, perche’ sara’ sempre lei a sfamare i suoi figli.
    L’uomo non ha ancora imparato a mangiare il cemento.

    • Maria Teresa Porta il 10 Dicembre 2020 alle 7:41
    • Rispondi

    Voto l’appello per la sovranità alimentare e condivido totalmente la richiesta di Bianca Riva di protezione dei diritti anche degli animali,che sono i più indifesi in questo mondo.

    • Fulvio Davi' il 10 Dicembre 2020 alle 9:38
    • Rispondi

    I contadini, la terra, gli animali e le piante sono la maggior parte del mondo che ci nutre e ci sostiene. Riconoscere a loro i sacrosanti diritti significa riconoscerli al genere umano, è da loro che dipende la nostra salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.