“Le mani che tengono l’aratro non si congiungeranno mai per supplicare”. Si compiono 200 giorni della mobilitazione dei contadini indiani.

traduzione del collettivo Babel dal sito di Via Campesina
vedi l’originale

All’inizio di gennaio di quest’anno, rispondendo alla domanda di un giornalista sulla perseveranza mostrata dagli agricoltori in India anche dopo diversi round di trattative senza successo con il governo indiano, Rakesh Tikait dell’Union Bhartiya Kisan (BKU) ha parlato della lotta quotidiana di un contadino nel suo campo.

“Abbiamo la resilienza nel sangue. Ogni anno, dopo aver seminato, aspettiamo pazientemente mesi per raccogliere il raccolto. È un lavoro estenuante in condizioni difficili. Spesso una siccità o una grandinata prematura distruggono tutto e frantumano tutte le nostre speranze di una produzione migliore e di un reddito migliore. Eppure noi persistiamo. Non ci arrendiamo. Non scappiamo. Quando arriva l’inverno, seminiamo di nuovo. In un villaggio del Rajasthan, la mia gente ha aspettato la pioggia per 12 lunghi anni. Gli agricoltori sono la personificazione della pazienza. La nostra fattoria è la nostra vita. Se possiamo aspettare la pioggia per 12 anni, perché non dovremmo aspettare queste tre leggi agricole? Aspetteremo e non accetteremo la sconfitta.”

È una prospettiva chiara per un movimento che ha dato notizia di se in tutto il mondo. Nel momento in cui scriviamo, l’avvio della protesta dei contadini indiani risale a sette mesi fa.

È stato un cammino tumultuoso, afferma Dharmendra Malik, media manager della Bhartiya Kisan Union. “All’inizio, ci hanno ridicolizzato considerandoci come contadini confusi. Poi siamo stati etichettati come teppisti e persino terroristi! Poi siamo stati accusati di cospirazione internazionale. C’è stato anche un tentativo di incolparci per la seconda ondata di COVID. Non è ironico che i troll di Twitter sdiano lezioni di patriottismo agli agricoltori?. Passiamo 10 ore al giorno in azienda, lavorando per far arrivare il cibo nel piatto di tutti. Eppure, per alcuni, siamo tutt’altro che esseri umani con richieste legittime e il diritto di protestare. “

Samyukta Kisan Morcha (il Fronte unito degli agricoltori, spesso indicato come SKM), è una rete di quasi 40 diversi sindacati provenienti da tutta l’India. Al momento, Bhartiya Kisan Union e Rakesh Tikait sono tra i volti più in vista di questa coalizione. SKM e la sua leadership collettiva, composta da rappresentanti di tutti i principali sindacati, hanno guidato questa protesta dalla fine del 2020. A gennaio, SKM ha organizzato un enorme raduno di trattori nella capitale della nazione per celebrare le celebrazioni della Festa della Repubblica nel paese.

“Mentre il 95% di queste proteste erano pacifiche, con esposizioni di bandiere e celebrazioni nazionali, un piccolo gruppo di persone ha creato disordini all’interno della capitale. SKM ha sempre sospettato che si trattasse di una provocazione per diffamare il movimento. E, infatti, all’improvviso tutti parlavano di come questa folla eterogenea di manifestanti stesse dissacrando i simboli nazionali. I media hanno immediatamente condannato l’intero movimento per le azioni di pochi. Tuttavia, è ormai evidente che questo attacco faceva parte di un piano, orchestrato da un gruppo di persone, forse in collusione con interessi particolari, per spezzare l’unità del movimento”, ricorda Malik.

Le risposte immediate del governo a questo incidente hanno creato nuove polemiche. Il tentativo di cacciare i manifestanti dai loro campi ai confini di Delhi si è rivolto contro il governo perché in realtà ha finito per mobilitare i tanti sostenitori nei villaggi. Sempre più persone provenienti da fattorie intorno alla capitale si sono riversate nei luoghi della protesta. Un episodio che ha segnato gli animi è stato quello degli agenti di polizia che conficcano chiodi nelle strade per impedire ai contadini di uscire dalle loro tende. Le immagini di grandi squadre di polizia armata che affrontano un gran numero di manifestanti disarmati hanno mostrato il volto di uno stato che cerca di mettere a tacere una protesta democratica.

“Se piantano chiodi, noi pianteremo fiori”, ha esortato Tikait alla televisione nazionale.

In pochi giorni, il movimento è diventato forse uno dei più importanti da diversi decenni. Decine di “mahapanchayats” (le riunioni del consiglio di villaggio) si sono organizzati intorno alla capitale coinvolgendo migliaia di persone.

In diversi discorsi durante la protesta, Rakesh Tikait e Yudhvir Singh (entrambi leader senior del BKU e membri senior dell’SKM) hanno denunciato che le riforme a favore della liberalizzazione vengono imposte con poche consultazioni anche se sono propagandate in nome del benessere degli agricoltori.

“Il governo indiano è uno dei principali destinatari di finanziamenti esteri. Ottiene prestiti e aiuti da istituzioni come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale. Molti di questi aiuti e prestiti sono dati a condizione di aprire l’economia indiana alla concorrenza globale. Come possono i contadini indiani competere con gli agricoltori delle economie avanzate, quando i nostri sussidi csono solo una frazione di ciò che questi agricoltori ricevono dai propri governi? Invece di accusare mentendo i movimenti degli agricoltori di portare avanti una sorta di cospirazione internazionale, il governo deve essere franco e spiegare come gli accordi di libero scambio e le politiche pro-business hanno aiutato gli agricoltori e la classe operaia nel nostro paese negli ultimi 30 anni. Questo svelerà il vero complotto: quello che ha calpestato gli interessi dei produttori alimentari di questo Paese, permettendo che alcune aziende familiari e transnazionali possano farsi gioco di noi e avere facile accesso alle banche”, afferma Yudhvir Singh.

Nonostante le espressioni di preoccupazione e le richieste di moderazione da parte delle nazioni alleate e persino del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, la repressione dei manifestanti è proseguita in vari modi. La chiusura di Internet e l’arresto o la detenzione di dozzine di attivisti hanno dominato i titoli dei giornali per giorni a febbraio e marzo. Alcune celebrità internazionali hanno attirato l’attenzione sulla situazione, irritando ulteriormente il governo indiano. Lo stato indiano ha agridato alla cospirazione globale per screditare l’immagine del paese, ma non ha fornito prove a sostegno di queste affermazioni. Sono stati orchestrati casi di cospirazione contro volontari e sostenitori del movimento. Diversi attivisti e qualsiasi organizzazione o istituzione della società civile che si sia espressa a favore delle rivendicazioni degli agricoltori è stata accusata di essere “antinazionale”.

Chukki Nanjundaswamy, uno dei principali leader del Karnataka Rajya Raitha Sangha, spiega più nel dettaglio questa strategia: “In alcuni stati, le aziende e gli hotel che forniscono servizi di trasporto e alloggio agli agricoltori che protestano vengono denunciati agli agenti delle tasse o vengono perquisiti da agenti statali. Una ragazza di Bangalore è stata accusata di sedizione per aver raccolto informazioni su campagne sui social media a favore degli agricoltori. La tattica è seminare paura tra i sostenitori del movimento. Non possono prendere di mira esplicitamente gli agricoltori perché siamo un’enorme base elettorale per tutti i partiti in tutti gli stati. Pertanto, attaccano le persone che sostengono il movimento, anche se questo sostegno è solo un semplice appello alla solidarietà. E non solo i sostenitori. Anche i leader SKM sono presi di mira. Un esempio recente è quello della polizia che porta via Yudhvir Singh, in diretta, mentre teneva una conferenza stampa in Gujarat”.

Karnataka Rajya Raitha Sangha (KRRS) e Bhartiya Kisan Union (BKU) sono anche membri di La Via Campesina, una rete globale di organizzazioni di agricoltori, presente in 80 paesi. Alcuni sostenitori del partito di governo hanno cercato di dare una matrice diversa a questa associazione mettendo in discussione la sua collocazione nelle coalizioni internazionali.

Chukki liquida questi tentativi come un alta manovra per danneggiare la campagna. “Se le industrie possono avere le loro associazioni come la CII (Confederazione delle industrie indiane) o piattaforme globali come il WEF (World Economic Forum), perché è un problema che anche noi contadini possiamo avere le nostre coalizioni? Non è più come una volta: oggi gli agricoltori sono informati quanto i legislatori. Grazie agli agricoltori di altri paesi, abbiamo visto e compreso come l’espansione dell’agrobusiness abbia influito sulla loro autonomia e sui loro diritti alla terra, all’acqua, alle sementi, ecc. Dagli anni ’90, KRRS e BKU hanno aderito alla rete globale di organizzazioni di agricoltori, in modo che gli agricoltori possano esprimere le loro preoccupazioni direttamente, senza intermediari, in tutti gli spazi decisionali, in particolare all’interno di organismi globali come l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e altre piattaforme simili. Perché la formazione di opinioni e la formazione di alleanze sono solo prerogativa dell’industria? chiede Chukki.

È ormai chiaro che i ripetuti tentativi di diffamare e criminalizzare i movimenti non hanno minato la determinazione dei manifestanti.

In una devastante seconda ondata di COVID che ha visto il picco di casi giornalieri di 400.000 all’inizio di maggio, i manifestanti ancora accampati nei siti di confine hanno garantito il distanziamento fisico e l’uso di mascherine e hanno organizzato campi sanitari. Molti di loro erano già tornati nei loro villaggi per lavorare durante la stagione del raccolto.

“Anche se la nostra gente era tornata a lavorare dai villaggi, è rimasta attenta a ciò che stava accadendo vicino alla capitale nazionale. Abbiamo assicurato una forte rete di comunicazione tra i leader SKM e le nostre persone. Migliaia di persone sono sempre pronte a tornare sul luogo della protesta se li chimiamo con un appello. Ma al momento, con i protocolli COVID in atto, rimaniamo in attesa”, ricorda Malik.

Tornati nei loro villaggi, molti manifestanti si stanno organizzando anche nei loro quartieri. In alcuni luoghi, i manifestanti hanno vietato l’ingresso a tutti i leader del partito politico al potere. “A meno che non decidano di schierarsi con gli agricoltori, questo boicottaggio continuerà. Queste proteste non furono prive di scontri. Di recente, nello stato di Haryana, la polizia ha sparato gas lacrimogeni contro gli agricoltori in protesta che hanno alzato bandiere nere contro la visita del primo ministro, e alcuni leader locali sono stati arrestati. I leader dell’SKM hanno reagito accampandosi davanti alla stazione di polizia finché la polizia non li ha rilasciati su cauzione. Un mese fa.

Il movimento ha anche compiuto sforzi per coinvolgere i sindacati e altri attori sociali per ampliare l’alleanza. Sebbene abbiano incassato la solidarietà dei partiti politici, c’è una chiara intenzione di tenere la protesta lontana da ogni appartenenza politica.

Tikait ricorda: “Se i partiti di opposizione fossero stati capaci, forse non avremmo mai avuto bisogno che i contadini scendessero in piazza. Ma ora che l’abbiamo fatto, non vogliamo che nessun partito politico approfitti indebitamente del nostro movimento e si metta sulle nostre spalle per sparare. Questo movimento è mirato alle tre leggi agricole e rimarrà un movimento popolare. “

Negli ultimi sette mesi, diversi sindacati, organizzazioni dalit e movimenti femminili hanno espresso la loro solidarietà con gli agricoltori in protesta.

Yudhvir Singh di BKU sottolinea perché questo è importante: “È importante che le persone che combattono per la giustizia sociale (che siano agricoltori, contadini, lavoratrici) (fabbrica, operatori sanitari, donne o popolazioni indigene) rimangano insieme. Per molto tempo, la frammentazione all’interno dei movimenti popolari ha servito solo gli interessi della classe dominante. Ora è il momento di stare insieme. Possiamo avere diverse contraddizioni interne, il che è naturale, ma l’importante è restare uniti anche di fronte a queste contraddizioni. Finora, SKM ha dimostrato questa unità ed è anche riuscita a stringere alleanze in India con i movimenti progressisti. Queste alleanze dovrebbero svilupparsi, perché le lotte dei contadini, i piccoli agricoltori e la classe operaia sono intrecciate. Abbiamo bisogno l’uno dell’altro per difendere i nostri diritti e vincere le lotte. “

Gli agricoltori dicono che stanno ancora aspettando un invito dal governo. Sperano che le recenti battute d’arresto subite dal partito di governo nelle elezioni locali e statali tenute in tutta l’India abbiano mostrato ai politici che la popolazione è contraria a queste riforme.

“Vogliamo che ci invitino senza condizioni. Le nostre richieste sono chiare. Abrogare le tre leggi, introdurre una garanzia legale per il Prezzo minimo di sostegno e quindi istituire un tavolo di confronto con gli agricoltori per consultarsi sul futuro corso d’azione”, ci ricorda Rakesh Tikait: “ Hul chalane wale, haath nahi jodege ” (Le mani che tengono l’aratro non cederanno mai).

Yudhvir Singh insiste che un governo che è stato eletto per servire la gente deve fare il suo lavoro.

“Per molto tempo il potere ha violato la dignità degli agricoltori. Non staremo più zitti. Dal 1995, più di 350.000 agricoltorisi sono tolti la vita, spinti dalla disperazione. Molti milioni di noi sono indebitati e disperati. Nessuno è contrario alla riforma. Ma i governi devono realizzare le riforme garantendo il punto di vista dei piccoli agricoltori indiani. La Riforma non può essere la scusa per consolidare gli interessi dei grandi proprietari e trasformare gli agricoltori in cottimisti conto terzi per le grandi aziende. Per quasi 600 milioni di persone in India, l’agricoltura non è solo un mezzo per guadagnare: è un modo di vivere. Chi non ne è consapevole non può rappresentare gli interessi delle persone”, aggiunge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.